Skip to Main Content
menu

Etichette

Etichette per proprietà

Stampanti

Software

Lockout Tagout

Segnaletica

Marcatura di tubi

Altri prodotti

Normative in materia di lockout/tagout

Rispetto dei requisiti di legge

europe

EUROPA

TLe linee guida comunitarie 89/655 specificano i requisiti minimi in materia di salute e sicurezza per l’uso degli impianti. Il paragrafo 2.14 stabilisce che ogni componente dell’impianto debba essere provvisto di dispositivi chiaramente visibili mediante i quali isolarlo da ogni fonte energetica.

Lo standard EN 1037 riguardante la sicurezza degli impianti definisce le misure per l’isolamento dei macchinari dalle fonti di energia e la dissipazione della corrente per evitare il pericolo che gli impianti siano rimessi sotto tensione. Lo standard assicura un intervento sicuro in una zona a rischio.

La direttiva europea CEE 89/655 stabilisce le norme minime per la sicurezza e la protezione dei dipendenti che eseguono interventi di manutenzione e riparazione di impianti industriali.

austria

AUSTRIA

AschG – ArbeitnehmerInnenschutzgesetz – Legge federale in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro

AM-VO – Arbeitsmittelverordnung (Ordinanza in materia di impianti e strumenti di lavoro) – Regolamentazione del Ministero federale del commercio e del lavoro in materia di protezione dei dipendenti che utilizzano impianti di lavoro, paragrafo 1, § 17 (1)

france

FRANCIA

UTE C18-510 (applicazioni elettriche): La procedura di lockout di un impianto per interventi di riparazione e manutenzione consiste nell’attuare le misure necessarie per garantire che l’impianto sia posto e tenuto in posizione di sicurezza, ciò al fine di evitarne l’azionamento, etichettando l’impianto isolato in modo che non venga azionato. Il datore di lavoro deve garantire che tutte le procedure di sicurezza siano rigorosamente rispettate e regolarmente riviste con mezzi appropriati. Gli operatori devono impiegare tutti gli strumenti necessari per svolgere la manutenzione.

Documento sulle migliori prassi sviluppato dall’INRS (Istituto nazionale di ricerca e sicurezza) nel novembre 2011: ED 6109

Il Decreto 2010-1016 fa riferimento agli obblighi dei datori di lavoro rispetto all’uso temporaneo o permanente di impianti elettrici

Il Codice del lavoro (articolo R4215-10) fa riferimento all’identificazione dei conduttori

Il Decreto 2010-1018 fa riferimento alla prevenzione dei rischi elettrici nell’ambiente di lavoro, mentre il Decreto 2010-2118 fa riferimento alle operazioni condotte sugli impianti elettrici.

Labour code (article R 4544-5): the part of the installation on which work (de-ernergised) is done must be identified and locked.

Codice del lavoro (articolo R 4544-5): la sezione dell’impianto sulla quale viene svolto l’intervento (disattivata) deve essere identificata e bloccata.

Provvedimento del 26 aprile 2012: Ogni intervento condotto su apparecchiature elettriche deve attenersi al nuovo standard NF C 18-510. L’articolo 1 afferma che tale standard ora è integrato nel Codice del lavoro francese.

germany

GERMANIA

BetrSichV 2015 (Ordinanza sulla salute e la sicurezza industriale) Ordinanza sulla protezione della salute e della sicurezza nella fornitura, l’uso e la manutenzione delle attrezzature di lavoro.

Estratto dell’ordinanza BetrSichV 2015

§ 8 Misure di protezione in caso di pericoli causati da fonti di energia e procedure di avviamento e arresto Paragrafo 3: “I dispositivi di comando che influiscono sull’uso sicuro dei mezzi di lavoro dovranno essere in particolare bloccati contro l’azionamento involontario o non autorizzato”.
Paragrafo 4: “Le attrezzature di lavoro dovranno essere azionabili solo intenzionalmente. Se necessario, si dovrà inibirne in modo sicuro la procedura di avviamento“

§ 10 Manutenzione e modifica di attrezzature di lavoro Paragrafo 3: Il datore di lavoro dovrà adottare tutte le misure necessarie per garantire che gli interventi di manutenzione possano essere svolti in sicurezza.
(3) proteggere la zona di lavoro durante gli interventi di manutenzione
(6) evitare pericoli causati dallo spostamento di attrezzature di lavoro sollevate o loro parti, nonché da fonti di energia o sostanze pericolose.
(9) Apporre sull’attrezzatura di lavoro i necessari messaggi di pericolo o avvertenza relativi all’intervento di manutenzione
Paragrafo 4: Nel caso in cui gli interventi di manutenzione... siano svolti in presenza di energia, è necessario che gli addetti siano protetti per tutto l’intervento adottando altre misure appropriate.

italy

ITALIA

La legislazione italiana (Direttiva 2001/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 giugno 2001 che modifica la direttiva 89/655/CEE) riguarda i requisiti minimi in materia di salute e sicurezza per l’uso di attrezzature da lavoro da parte degli operatori sul luogo di lavoro.

schwitserland

SVIZZERA

UVG – Legge federale in materia di assicurazione antinfortunistica

VUV – Regolamento in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali titolo 1, capitolo 2, paragrafo 1, art. 3; titolo 1, capitolo 3, paragrafo 2, art. 30, 31 paragrafo 3, art. 37; paragrafo 4, art. 43

Linea guida EKAS n. 6512 – Attrezzature di lavoro

Tali disposizioni stabiliscono chiaramente che durante gli interventi di manutenzione, regolazione o pulizia delle attrezzature, queste ultime devono trovarsi in uno stato non operativo ed è necessario utilizzare i dispositivi appropriati per garantire che, per esempio, una macchina non venga accidentalmente accesa

spain

SPAGNA

La Direttiva spagnola (REAL DECRETO 1215/1997, de 18 de julio por el que se establecen las disposiciones mínimas de seguridad y salud para la utilización por los trabajadores de los equipos de trabajo. BOE n. 188 07-08-1997) stabilisce i requisiti minimi di salute e sicurezza per l’uso delle attrezzature di lavoro da parte degli operatori.

UK

SOLO REGNO UNITO: BS7671:2008

Nel Regno Unito, le disposizioni in materia di attrezzature di lavoro – Regolamento 19 , Isolamento dalle fonti energetiche – stabiliscono che ogni datore di lavoro debba garantire che, ove del caso, le attrezzature di lavoro siano provviste di mezzi idonei per isolarle da tutte le fonti energetiche. Ogni datore di lavoro dovrà inoltre adottare le misure appropriate per garantire che il ricollegamento di una fonte energetica alle attrezzature di lavoro non esponga alcun operatore che utilizzi i macchinari a rischi per la salute o la sicurezza.